sabato 29 gennaio 2011

David Gerstein-"Beauty Hunter"

David Gerstein, Beauty Hunter, 2007, 
acciaio dipinto a mano, 180 x 100 cm




« L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio. »
(Italo Calvino, da Le città invisibili, 1972)



« Non penso che l'arte sia propaganda; dovrebbe invece essere qualcosa che libera l'anima, favorisce l'immaginazione ed incoraggia la gente ad andare avanti »
(Keith Haring)



David Gerstein (Gerusalemme 1944)



Per saperne di più sull'artista e sulla sua produzione:

6 commenti:

  1. Sai già che trovo quest'opera dinamica e sgargiante. Non solo di colori ma specialmente di sensazioni. Quando l'arte prende il volo sparisce ogni barriera spaziale. La realtà si fa sinuosa, elastica, camaleontica. Mette davvero voglia di accendere sorrisi e urlare forte: "allegria, gente!".


    Anita

    RispondiElimina
  2. ottima interpretazione del mondo, quella dell'amico gerstein.. =)
    sembra dichiarare un nuovo amore per l'umanità.

    RispondiElimina
  3. Grazie ragazze,
    è proprio così, quest'opera sembra invitarci a fare il pieno di gioia ed energia per guardare avanti e costruire nuova bellezza, nuovo bene e nuova felicità!

    RispondiElimina
  4. splendida interpretazione e opera incantevole! :)

    RispondiElimina
  5. Che Bellezza questo blog. Ispirante. Vedendo l'opera "Beauty hunter" mi è venuto da costruire una nube di farfalle colorate, sostenute da una nuvola di filo di rame, come un mazzo di palloncini, che si inerpica su sull'asta della lampada del mio salotto.
    Grazie all'autrice per la tua sensibilità!

    RispondiElimina
  6. Sono felice che questa opera ti abbia ispirato Alberta! Grazie :)

    RispondiElimina